facebook rss

Ascoli: mister Pochesci
saluta il Carpi
e resta un nome caldo
per il vivaio bianconero

SERIE B - Tra i temi sul tavolo in casa bianconera c'è quello del settore giovanile, che necessita di una profonda programmazione dopo la negativa annata ormai alla conclusione. La società avrebbe individuato nell'ex tecnico della Ternana un profilo ideale a cui affidare il ruolo di responsabile del vivaio e di allenatore della Primavera

 

di Salvatore Mastropietro

Tra le varie questioni da risolvere in casa Ascoli nelle prossime settimane c’è anche la ristrutturazione del settore giovanile. È innegabile che il burrascoso cammino affrontato dalla prima squadra abbia fatto passare in secondo piano le dinamiche del vivaio bianconero. In particolare, a meritarsi i riflettori accesi sarebbe stata la formazione Primavera, che dopo la vittoria del passato campionato di Primavera 2 ha avuto la grande occasione di confrontarsi nel massimo torneo giovanile con le più grandi e strutturate compagini d’Italia. L’esperienza deve ancora finire (mancano ancora quattro giornate), ma il verdetto della retrocessione diretta c’è già stato, nonostante il grande impegno profuso dalle gestioni tecniche di Abascal prima e del duo Seccardini-Stallone poi.

Ciro Polito e Massimo Pulcinelli

È evidente, dunque, che tutto il vivaio bianconero necessiti di una nuova ed accurata programmazione in vista del futuro. La società se ne sta interrogando e se ne stava interrogando anche l’ormai ex direttore sportivo Ciro Polito prima della rottura tra le parti, tanto che potrebbe essere stato proprio questo uno dei potenziali pomi della discordia.

Sandro Pochesci

Un nome caldo per il settore giovanile, emerso ormai da diversi giorni, è quello di Sandro Pochesci. La conferma dell’interessamento dei bianconeri, più che da fonti vicine al Picchio, è arrivata da alcune fonti vicine all’ambiente Carpi, società nella quale il vulcanico tecnico ex Ternana ha allenato nell’ultimo campionato. Nel primo pomeriggio si è interrotto il rapporto professionale tra il club emiliano ed il vulcanico allenatore laziale. La formalizzazione della rescissione consensuale avverrà nei prossimi giorni e proprio l’accostamento di Pochesci all’Ascoli è considerato attorno all’ambiente Carpi come uno dei motivi principali.

La società del patron Pulcinelli avrebbe pensato a Pochesci per un doppio ruolo da manager-allenatore, che lo vedrebbe tecnico della formazione Primavera e coordinatore del settore giovanile. Il 57enne romano – che, curiosità, era presente in occasione di Spal-Ascoli dello scorso aprile in tribuna al fianco degli esponenti societari bianconeri – è senz’altro allettato dalla proposta del club di Corso Vittorio Emanuele, ma se ne saprà di più nei prossimi giorni. Il tecnico avrebbe, infatti, un paio di discorsi aperti con squadre di Serie C.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X