Quantcast
facebook rss

Riecco l’Ascoli formato export:
a Pordenone finisce 0-1,
i tre punti li firma Salvi

SERIE B - I bianconeri confermano la propensione agli exploit esterni e tornano a casa con un risultato convincente, seconda vittoria consecutiva, che poteva essere anche più rotondo. Decisivo nel primo tempo il colpo di testa del terzino. Palo di Iiev e occasioni da gol per lo stesso attaccante bulgaro, Sabiri e Dionisi
...

Dionisi al “Teghil” marcato da Camporese

 

di Andrea Ferretti

 

Sottil conferma la squadra che ha battuto il Vicenza. Al pronti e via gli undici sono gli stessi. Compreso Iliev tornato dalla Nazionale e preferito a Bidaoui che poteva essere l’alternativa. E compreso Maistro confermato mezzala. Per Botteghin è la partita numero 500 tra i professionisti: tutte in Olanda tranne le ultime dodici bianconere.

Il gol di Salvi

Si gioca nella nebbia col pallone giallo, ma la visibilità è abbastanza buona e il timore di un rinvio è scongiurato. Il Pordenone di Tedino, terzo allenatore stagionale dei friulani, dopo pochi minuti perde il centrale difensivo Sabbione, al suo posto Barison, un ex che giocò nell’Ascoli promosso in B nel 2015.

Mezzora esatta di sbadigli ed errori di misura da ambo le parti, poi ad accendersi è l’Ascoli con Maistro che trova l’imbucata perfetta per Sabiri che scarica un estro potente da dentro l’area. Persian respinge come può, poi l’azione sfuma perchè il primo ad arrive sulla palla davanti alla porta vuota è un difensore di casa.

Al 38′ Picchio due volte vicinissimo al gol in pochi secondi. Prima ci prova Dionisi con un destro a giro destinato all’incrocio che il portiere riesce a intercettare e poi con il palo che nega la gioia del gol ai 123 tifosi giunti da Ascoli. Subito dopo sulla conclusione di D’Orazio, Iliev prova a beffare il portiere di tacco e ci riesce ma il palo gli strozza l’urlo del gol in gola,

Capitani e terna prima del via

Il gol è nell’aria e infatti arriva al 41′ con la perfetta inzuccata di Salvi che sull’angolo di Maistro ruba il tempo a tutti e infila Perisan all’angolino. Per il terzino è una bella soddisfazione, una gioia che rimedia alla sfortuna (un palo e un gol annullato dal Var) che si era accanita su di lui contro il Vicenza.

Nella ripresa, al 10′, i primi cambi. Sono del Pordenone e in campo si rivede Ciciretti, altro ex bianconero. Poi è la volta di Sottil che al 15′ chiama in campo Caligara per Maistro.

Al 20′ Iliev pesca Dionisi davanti alla porta, ma il capitano si attarda e non succede niente. Poi scocca l’ora di Baschirotto e Bidaoui per Salvi e Dionisi.

Al 32′ il Pordenone rischia di pareggiare con un cross di Folorunsho che si trasforma in una insidiosa palla ricacciata da Leali dall’angolino dove era destinata.

Sottil si gioca le ultime due carte con Collocolo e Quaranta e l’Ascoli chiude così con la difesa a cinque. Il sinistro di Iliev al 41′, deviato in angolo da Perisan, e Collocolo che al 46 ‘ per un soffio non arriva a calciare un rigore da fermo certificano i tre punti.

 

Sottil

PORDENONE (4-3-3): Perisan; Valietti (10’st Tsadjout e 37’st Sylla), Sabbione (9’pt Barison), Camporese, Falasco; Magnino, Pasa, Zammarini (37’st Pinato); Cambiaghi, Pellegrini (10’st Ciciretti), Folorunsho. A disposizione: Bindi, Fasalino, Bassoli, Perri, Stefani, Onisa, Petriccione. Allenatore: Tedino

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Salvi (28’st Baschirotto), Botteghin, Avlonitis, D’Orazio; Saric (38’st Quaranta), Buchel, Maistro (15’st Caligara); Sabiri (38’st Collocolo); Iliev, Dionisi (28’st Bidaoui). A disposizione: Guarna, Bolletta, Tavcar, Felicioli, Eramo, De Paoli, Petrelli. Allenatore: Sottil

Arbitro: Santoro di Messina (assistenti Rossi di La Spezia e Schirru di Nichelino, quarto ufficiale Rinaldi di Bassano del Grappa, Var Massimi di Termoli, Avar Pagnotta di Nocera Inferiore)

Rete: 41’pt Salvi

Note: ammoniti Salvi (A), Avlonitis (A), Barison (P), Iliev (A), Falasco (P), Caligara (A) tutti per gioco falloso. Angoli 6-5 per l’Ascoli. Recupero 3’+5′

 

Al “Teghil” 123 tifosi bianconeri




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X