Quantcast
facebook rss

Lo scandalo dei green pass:
il medico e l’altro arrestato
davanti al giudice
Rischiano grosso anche i furbetti
della certificazione verde

ASCOLI - Domani mattina gli interrogatori di garanzia. In videoconferenza dal carcere di Ancona quello del dottor Giuseppe Rossi. A precederlo, in Tribunale, quello del 59enne posto ai domiciliari. Per il rischio di inquinamento delle prove, l'ordinanza di carcerazione del gip Annalisa Giusti ha una validità di quaranta giorni. I possessori dei green pass sono indagati e alcuni devono fare i conti sui posti di lavoro, dove si sono presentati con una documentazione taroccata
...

Il Tribunale di Ascoli

 

di Andrea Ferretti

 

Falso ideologico commesso da pubblico ufficiale, peculato, tentata truffa. Sono i tre reati di cui deve rispondere il dottor Giuseppe Rossi, il 67enne medico ascolano arrestato martedì scorso 4 gennaio dai Carabinieri nell’ambito dell’operazione “Green Pack” che ha portato alla luce la vicenda dei green pass falsi rilasciati dopo dosi di vaccino mai fatte dai possessori della certificazione verde. Numeri che, secondo le accuse, raccontano di 150 vaccinazioni falsamente attestate e di 73 green pass rilasciati dal Ministero della Salute.

Alcune delle siringhe vuote rinvenute dai Carabinieri

Per il reato di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale si rischia una condanna che va da 3 a 10 anni. Per quello di peculato da 4 a 10 anni e mezzo. Per quello di tentata truffa da 1 a 5 anni. Il dottor Rossi è difeso dagli avvocati Lavinia Tarli (che sarà presente all’interrogatorio) e Umberto Gramenzi.

Falso ideologico commesso da privato è invece il reato di cui deve rispondere alla giustizia l’impiegato ascolano di 59 anni che è stato posto agli arresti domiciliari, mentre il medico si trova nel carcere anconetano di Montacuto. Un reato per cui si rischia una condanna da 1 a 6 anni. L’uomo è difeso dall’avvocato Stefano Pierantozzi.

Per entrambi domani mattina, venerdì 7 gennaio, è previsto l’interrogatorio di garanzia da parte del giudice per le indagini preliminari (gip) del Tribunale di Ascoli, Annalisa Giusti. Cioè il giudice che ha accolto le richieste della Procura della Repubblica, nella persona del procuratore capo Umberto Monti, il quale ha raccolto gli elementi che ha ritenuto sufficienti a far scattare il blitz messo in atto dai Carabinieri all’alba di martedì.

Alle 10,45 verrà sentito in Tribunale l’ascolano che si trova ai domiciliari. Poi, alle 11,45, in videoconferenza, il dottor Rossi che è rinchiuso nel carcere anconetano di Montacuto.

Entrambi, comunque, non resteranno agli arresti per pochi giorni, visto che l’ordinanza è valida quaranta giorni per il pericolo di inquinamento delle prove.

Queste sono ore febbrili non solo per le due persone raggiunte dall’ordinanza di custodia cautelare, ma anche per le altre 72 persone entrate (e trovate) in possesso di falsi green pass. Sono tutte indagate, e a 15 di loro i Carabinieri hanno anche sequestrato il telefono cellulare. 

Giorni di gran lavoro dunque per diversi avvocati di Ascoli e del circondario, ai quali si sono ovviamente rivolti tutti gli indagati. Alcuni dei quali, oltre a correre rischi di natura penale, se sono dipendenti dovranno fare i conti anche con i titolari dei luoghi di lavoro dove si sono presentati esibendo certificazioni verdi taroccate.

Il Comando provinciale dei Carabinieri

Pedinamenti, appostamenti, riprese video, fotografie e intercettazioni sono alcune delle attività svolte dai Carabinieri del Comando provinciale di Ascoli dal mese di settembre. La caccia di riscontri e prove, consegnati poi in Procura, da parte dei militari sono andati avanti per quattro mesi. Tra questi anche il ritrovamento di alcune siringhe, vuote, gettate nei cassonetti dei rifiuti.

A proposito delle dosi di vaccino che risultavano inoculate, per la maggior parte si trattata di prime e seconde dosi, ma in quattro casi anche di terze dosi. Dosi che, una volta prelevate, dovevano essere inoculate entro sei ore. Ma secondo l’ipotesi accusatoria questo non avveniva.

 

LO SCANDALO DEI GREEN PASS Venerdì al carcere di Ancona l’interrogatorio di garanzia del medico arrestato

L’operazione “Green Pack” si allarga: dopo l’arresto del medico, 15 perquisizioni e cellulari sequestrati (Foto e video)

Arresto del medico per false vaccinazioni, il sindaco Fioravanti: «Attacco alla salute e alla sicurezza di tutti»

Lo scandalo dei green pass Pd, 5 Stelle e Dipende da Noi: «Chiediamo trasparenza e tutela»

 

Le accuse del Partito Democratico: «Sulla Sanità è preoccupante il silenzio dell’Amministrazione»

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X