Quantcast
facebook rss

L’Ascoli aspetta Paganini
e saluta Avlonitis
Per la difesa c’è Pirrello dell’Empoli

SERIE B - Il club bianconero pronto ad annunciare due ufficialità, una in entrata e una in uscita: il classe 1993 arriva nel Piceno per rinforzare la batteria di esterni, il centrale greco lascia e va a Cipro. Tiene banco il caso Sabiri, osservato dalla Sampdoria di Giampaolo
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Il 2022 dell’Ascoli si è aperto come meglio non poteva: due vittorie in altrettante partite su due campi storicamente ostici. Il successo di sabato sul campo del Cosenza, in particolare, ha confermato che, mantenendo sempre una certa dose di realismo, in casa bianconera si può puntare in alto o – come affermato da Peppe Bellusci nel post partita – «alzare l’asticella».

Il presidente Andrea Neri, il ds Marco Valentini, il responsabile marketing Domenico Verdone, il vice presidente Andrea Di Maso

Adesso entra in gioco la società, che per ora ha dato il pieno appoggio al lavoro in sede di calciomercato del direttore sportivo Marco Valentini, in costante dialogo con mister Andrea Sottil. Proprio il tecnico piemontese ha annunciato che da qui alla fine della sessione invernale si aspetta un altro paio di operazioni in entrata (ma potrebbero essere anche tre in caso di occasioni dell’ultimo minuto).

Riprenderà mercoledì mattina la preparazione agli ordini di mister Sottil

La prossima ufficialità riguarderà con tutta probabilità l’innesto di Luca Paganini. Il calciatore, attualmente in forza al Lecce (7 presenze in campionato in questa stagione), andrà a ricoprire la pedina mancante di esterno destro offensivo nell’ottica di una ricerca di soluzioni alternative all’ormai collaudato 4-3-1-2. Da definire ancora la modalità dell’operazione: sul tavolo una cessione a titolo definitivo con due anni e mezzo di contatto al giocatore classe 1993. Ad Ascoli Paganini ritroverà Federico Dionisi, con cui ha condiviso due promozioni in Serie A ai tempi del Frosinone.

Avlonitis

In uscita, invece, è questione di ore per l’ufficialità del passaggio di Anastasios Avlonitis all’Apollon Limassol, squadra cipriota. Con il centrale greco era stata intrapresa nei mesi scorsi una trattativa per il rinnovo di contratto, ma motivi familiari hanno spinto il calciatore a chiedere la cessione per riavvicinarsi a casa. Il club bianconero, visto soprattutto il veloce ambientamento di Bellusci e la crescita di Quaranta, ha dato il via libera, rispettando la volontà del calciatore dopo un anno e mezzo di onorato servizio.

Il diesse Valentini si sta anche interrogando sull’inserimento in rosa un ulteriore centrale. Questo specialmente nell’ipotesi in cui uno tra Tavcar e Spendlhofer – entrambi mai chiamati in causa in questa prima parte di stagione – venga ceduto. In questo senso un nome papabile potrebbe essere quello di Roberto Pirrello, classe 1996 di proprietà dell’Empoli e reduce da alcuni mesi di prestito al Cosenza. Il calciatore, che verrebbe prelevato con la formula del prestito secco, gode della stima di mister Sottil, che lo ha già allenato ai tempi del Siracusa (stagione 2016-2017) e del Livorno (2017-2018).

Sempre sul fronte delle uscite resta vivo il caso Abdelhamid Sabiri. La volontà di tutte le parti sembra essere quella di separarsi, ma si attende l’occasione propizia. La Sampdoria ha chiesto informazioni e nei prossimi giorni potrebbe affondare il colpo. Definito intanto il rientro al Genoa di Andrea Petrelli e la cessione in prestito di Sarzi Puttini al Latina dopo una prima parte di campionato al Messina.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X