Quantcast
facebook rss

Ascoli, la soddisfazione di Bucchi: «Vittoria meritata, abbiamo fatto valere la nostra identità»

SERIE B - Il tecnico bianconero dopo la vittoria contro la Ternana: «Uno stadio così pieno alla prima giornata non si vedeva da molto. È stata una partita bella con ritmi alti, ma dobbiamo stare attenti alla troppa esuberanza. Sui calci piazzati abbiamo fatto valere l’aspetto psicologico». Lucarelli: «Complimenti a loro, se la giocheranno per i primi posti»
...

di Salvatore Mastropietro

 

È un Cristian Bucchi soddisfatto, e non potrebbe essere altrimenti, quello che si presenta in sala stampa nel post partita di Ascoli-Ternana. Il tecnico bianconero ritrova il successo in Serie B, che gli mancava da oltre tre anni, ed anche un feeling speciale con il popolo del Picchio che ha spinto senza sosta la sua squadra per tutta la durata del match.

(foto Ascoli Calcio)

«Ho detto ai ragazzi – esordisce Bucchi – prima della partita che uno stadio così pieno alla prima giornata non si vedeva da tanto. Volevamo partire bene al cospetto di un avversario forte, conoscevamo le insidie e abbiamo fatto vedere la nostra identità. Se devo guardare tutto a 360 gradi forse in alcuni momenti abbiamo avuto troppa esuberanza, ma questo da entrambe le parti ha reso la partita bella e con ritmi alti. In ogni caso dobbiamo avere equilibrio. Alla fine è stata una vittoria arrivata con merito».

Ancora sulla prestazione: «La Ternana ha provato a saltare la nostra pressione, ma quando noi riusciamo a rimanere corti diventa facile difendere. Abbiamo perso qualche distanza ogni tanto e lì ci siamo fatti sorprendere. Mi è comunque piaciuta la lettura complessiva in questo tipo di situazione».

(foto Ascoli Calcio)

Sul tema costruzione dal basso: «Questa deve essere un’arma a nostro favore, poi è chiaro che non deve diventare un’arma a nostro sfavore quando siamo un po’ stanchi. Gondo ci ha dato qualche soluzione in più con la palla lunga, con Dionisi invece abbiamo più palleggio».

Sui gol arrivati sugli sviluppi di calci piazzati: «Entrambi sono stati provati in allenamento. Poi è chiaro che lì gioca anche l’aspetto psicologico, loro l’anno scorso hanno preso tanti gol e noi siamo stati convinti nell’andare a saltare sapendo che ogni gol potesse essere un gol».

Assente Dionisi, il capitano scelto è stato Buchel: «È per un discorso di vissuto calcistico nell’Ascoli. Leali non l’ho considerato solo perché non mi piace avere un portiere come capitano».

Sulla scelta di Gondo: «Lo abbiamo contattato fin da subito. E’ stato subito un obiettivo chiaro per tanti motivi, è un giocatore completo nel pieno della sua maturità. Ha bisogno di trovare continuità, ma a noi può dare tante soluzioni. Questa sera ha pulito tantissime palle e ci ha fatto lavorare bene in uscita. Lo spirito è quello che stavamo cercando e siamo contenti che sia arrivato».

Cristiano Lucarelli, allenatore della Ternana

LUCARELLI – Di diverso avviso rispetto a Bucchi il tecnico rossoverde: «Nel complesso della partita le occasioni le abbiamo avute noi. Un passo avanti rispetto alle due partite contro l’Ascoli dello scorso anno c’è stato, questo vuol dire che ci stiamo avvicinando. Complimenti a loro per aver sfruttato le occasioni, purtroppo i piazzati hanno cambiato le sorti della partita ma dobbiamo rendere merito all’avversario. Favilli? Sono contento che si sia subito sbloccato, per un attaccante è importante. Oggi abbiamo provato qualche situazione per provare a sorprendere i limiti difensivi dell’Ascoli, dal punto di vista tattico non abbiamo fatto male ma poi conta il risultato. Comunque l’Ascoli ha dimostrato di essere una squadra forte e io credo che se la giocherà per i primi posti, anche in virtù della concretezza mostrata».




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X