Quantcast
facebook rss

L’Ascoli ha la sua nuova mascotte: contro il Modena debutta “Picus”

SERIE B - Domani la rifinitura dei bianconeri al "Picchio Village" in vista dell'importante sfida di sabato. Bucchi conferma il 3-5-2 e spera di recuperare Adjapong. Novità in casa Picchio: presentata la nuova mascotte
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Anche per questa settimana le chiacchiere stanno per finire in casa Ascoli. Sabato alle 14 sul terreno del “Del Duca” andrà in scena un match dalla grande importanza per il Picchio, che sfiderà il Modena per provare a ritrovare quel successo che manca da circa 40 giorni. Gli ultimi 3 punti sono arrivati, infatti, nella trasferta del “Renzo Barbera” di Palermo dello scorso 27 agosto. Da allora sembra passato parecchio tempo – cosa normale considerando le successive tre prestazioni bianconere -, ma la speranza nell’ambiente è di recuperare presto quella carica e quell’entusiasmo che si era scatenato dopo quel successo.

 

Bucchi al “Picchio Village” (foto Ascoli Calcio)

Contro il Modena, c’è poco da nasconderlo, sarà un match da vincere a tutti i costi. A livello di prestazione qualche segnale positivo è già arrivato dal pareggio esterno in casa del Benevento, ma ora serve un cambio di passo a livello di risultati. Lo sa bene mister Cristian Bucchi, che sabato riproporrà quel 3-5-2 che al “Vigorito” ha fornito buone sensazioni. Anche l’undici titolare dovrebbe essere lo stesso, ma c’è da fare attenzione all’eventuale impiego dal primo minuto di Pedro Mendes, apparso in crescita.

 

Al “Picchio Village” la squadra è scesa in campo nel giorno dell’antivigilia del match per una seduta mattutina di allenamento. Lo staff tecnico ha predisposto un lavoro composto da riscaldamento tecnico, torelli, lavoro tattico ed esercitazioni per reparti. Domani l’allenamento di rifinitura è fissato alle ore 11, poi seguiranno le dichiarazioni di Bucchi e la diramazione della lista dei convocati (si spera di recuperare Adjapong).

 

Picus con il sindaco Marco Fioravanti (foto Ascoli Calcio)

PICUS – Importante novità in casa Ascoli, dove oggi è stata presentata al sindaco Marco Fioravanti e alla città la nuova mascotte bianconera: Picus.

 

«Il nome Picus – si legge nella presentazione – è intriso di storia, tradizione e leggenda: scrive Virgilio nell’Eneide che Pico, divinità venerata dai latini, avendo rifiutato l’amore della maga Circe, fu trasformato da quest’ultima in picchio. Il picchio, Picus appunto, era l’animale sacro al dio Marte, dio della guerra. E il dna del Picchio si sposa perfettamente con le caratteristiche di belligeranza: temperamento, tenacia, perseveranza, gesti sistematici e martellanti e per questo efficaci. Il legame fra il Picchio e il dio Marte risale a una leggenda, secondo la quale il Picchio avrebbe guidato un gruppo di Sabini, costretti ad emigrare in un territorio straniero, nelle terre del Piceno. Da quel momento Marte avrebbe preso “quelli del picchio”, ovvero coloro che furono guidati dal picchio, i Piceni appunto, sotto la sua protezione. Tutto questo è Picus, l’animale totemico così impresso e radicato nel territorio».

La nuova mascotte bianconera stamane si è presentata alla squadra al Picchio Village per un saluto beneaugurante e, successivamente ha salutato in Comune il sindaco Marco Fioravanti. Una passeggiata in centro e la visita all’Ascoli Store di via Cairoli hanno concluso l’intensa giornata di Picus. E sabato in Ascoli-Modena il debutto allo stadio “Del Duca”.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X