Quantcast
facebook rss

L’Ascoli al rientro da Genova con buone sensazioni e tanta voglia di confermarsi al “Del Duca”

SERIE B - Dopo aver svolto una seduta defaticante in Liguria, la squadra ha fatto rientro in giornata nel Piceno. Adesso l'attenzione è subito rivolta al posticipo di lunedì contro il Cagliari con l'obiettivo di dare continuità e di riprendere a fare punti davanti al popolo bianconero
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

«Usciamo a testa alta da Genova, peccato per il risultato finale, ma sono soddisfatto della grande prestazione. Sono mancati pochi minuti e pochi centimentri… Bravi ragazzi, ora testa al Cagliari». La prova dell’Ascoli al “Luigi Ferraris” contro la Sampdoria è stata apprezzata da tutti in casa bianconera, compreso il patron Massimo Pulcinelli – presente sugli spalti assieme a Massimo De Santis, al direttore sportivo Marco Valentini e all’amministratore delegato Andrea Leo – che con queste parole ha elogiato quanto fatto dalla squadra di Bucchi nel match valevole per i sedicesimi di Coppa Italia.

 

L’esultanza dopo il gol di Collocolo

I bianconeri hanno trascorso la notte in Liguria, dove hanno svolto anche una seduta defaticante in mattinata prima di rimettersi in viaggio per il Piceno. La squadra tornerà al lavoro agli ordini di Bucchi alle 11 di domani, sabato, sul terreno del “Picchio Village”. Poi, domenica, sarà già tempo della rifinitura prepartita in vista del match di lunedì contro il Cagliari, reduce anch’esso da una sfida di Coppa Italia (sconfitta per 1-0 al “Dall’Ara” di Bologna).

 

Cristian Bucchi

L’Ascoli può guardare alla partita contro i sardi con buone sensazioni arrivate dalle ultime due prestazioni, ma Cristian Bucchi ha affermato ieri che in campionato sarà un’altra storia. Occorrerà fare di più, dunque, soprattutto se si considera che di fronte ci sarà un avversario molto accreditato come quello allenato da Fabio Liverani, ma di certo la vittoria di Bari e l’immeritata sconfitta contro la Sampdoria hanno riportato nell’ambiente un buon grado di fiducia e una bella ventata di ottimismo.

 

Aver dato spazio a diversi elementi finora impiegati poco o per niente (come Tavcar) e ad altri che non avevano ancora raggiunto una forma fisica adeguata (Adjapong, in continua crescita nelle ultime apparizioni) sono fatti senz’altro positivi per lo staff tecnico, che potrà contare nelle prossime uscite in questo modo su qualche alternativa in più (soprattutto se la situazione in infermeria continuerà ad essere complicata).

 

La Curva Nord

Alle buone sensazioni si aggiunge la tanta voglia di riprendere a fare bene anche davanti al pubblico del “Del Duca”. Tra le mura amiche in questa prima parte di campionato è arrivato un solo successo (all’esordio contro la Ternana, attuale capolista) e nelle ultime due uscite casalinghe ci sono state due sconfitte contro Parma e Modena. Dal popolo bianconero la società si aspetta una risposta – mai mancata finora – importante a livello di presenza sugli spalti, mentre i tifosi sperano che il momento positivo si consolidi anche sul campo di casa. Di certo Ascoli-Cagliari sarà uno spartiacque importante per ricompattare definitivamente un ambiente che, se unito in tutte le sue componenti, può puntare anche quest’anno a qualcosa di importante.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X