facebook rss

Fioravanti ai cittadini:
«Ancora troppe persone in giro»
Mascherine introvabili

EMERGENZA - Il sindaco di Ascoli fa il punto della giornata sulle misure anti contagio e annuncia controlli più severi per chi non rispetta le direttive del Governo e le ordinanze comunali affisse all'entrata di parchi, giardini e piste ciclabili e pedonali. Presto anche la disinfestazione a tappeto

di Franco De Marco

Il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti, stasera 14 marzo, nella sua quotidiana seguitissima diretta sui social, si attiene ai dati del Gores di mezzogiorno per comunicare i dati dei contagiati nel Piceno. Erano 7, a mezzogiorno, ma sappiamo anche dei coniugi di Monsampolo, confermati nel pomeriggio. Pur toccando ferro, però, anche lui teme che il numero aumenti nelle prossime ore. E mette di nuovo in guardia coloro che nei social violano la privacy facendo nomi e cognomi di presunti contagiati o addirittura morti. Chi lo fa commette un reato e verrà perseguito, ricorda il primo cittadino.

Il primo cittadino, che rimane a lavorare da casa, anche dopo che il tampone si è rivelato negativo, annuncia una repressione ancora più severa per chi viene sorpreso a passeggiare al di fuori di quanto previsto (spesa, lavoro e sanità) dalle ordinanze governative. «Ancora mi giungono – rivela – foto di persone al parco, sulla panchina o davanti al bar. E’ assolutamente vietato. I controlli della Polizia Municipale saranno sempre più severi. Abbiamo affisso le ordinanze di divieto all’ingresso di tutti i parchi e giardini pubblici e piste ciclabili e pedonali». Il sindaco Marco Fioravanti, che in fatto di tecnologie e di comunicazione è un esperto, da questa mattina ha diffuso anche un messaggio vocale su whatsapp, dopo la fonica e le vele, e naturalmente i vari social, con l’invito perentorio a restare in casa.  «Sono a disposizione di tutti i cittadini – sottolinea – cerco di rispondere a tutti coloro che mi scrivono e mi chiamano. Dobbiamo fare squadra e così batteremo il Coronavirus. Il periodo non sarà breve ma se siamo uniti sconfiggeremo il virus. E’ il tempo di dimostrare che siamo una città con un grande senso civico. Siamo in mezzo al mare e dobbiamo trovare la rotta per giungere alla terraferma».

Fioravanti tocca il tasto dolente, in tutta Italia, della carenza di mascherine di protezione per gli operatori e per tutti. «Anche il Comune le sta cercando ma non riusciamo a reperirle» ammette. Conferma che la pulizia delle strade prosegue regolarmente così come verrà effettuata una disinfestazione a tappeto: «Stiamo cercando i prodotti più adatti».



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X