facebook rss

Le pagelle dell’Ascoli:
Quaranta il migliore,
non solo per il gol (Le foto)

SERIE B - Il difensore autore di un'altra prova positiva, coronata dalla prima rete in carriera che però illude solo i bianconeri. Brosco protagonista negativo su entrambi i gol. Caligara entra bene in partita, gli altri subentrati no

Il gol di Quaranta

 

di Andrea Ferretti

(foto Ascoli Calcio)

Leali 6 – Spiazzato dal rigore di Tremolada, incolpevole sulla rasoiata di Kone. Per il resto poco impegnato ma sempre attento.

Pucino 5 – Troppo timido, non si affaccia quasi mai nella metà campo avversaria. Sulla sua corsia, invece, il Cosenza imperversa.

Brosco 5 – Protagonista in negativo sui due gol subìti. Sul primo commette il fallo da rigore su Gliozzi (la trattenuta appare reciproca). Sul secondo non si oppone come dovrebbe alla conclusione di Kone. Ammonito.

Quaranta 6,5 – Grazie ad un suo colpo di testa l’Ascoli passa in vantaggio. È il primo gol in carriera per il giovane difensore cresciuto nel settore giovanile bianconero. Gol a parte, disputa un’altra buona gara.

Kragl 5 – Poco propositivo e impreciso più del solito. Da lui ci si aspetta molto di più, ma in una partita così importante non dà il contributo sperato. Ammonito.

Saric 6 – Nulla da rimproverargli sotto il profilo dell’impegno. Uno dei pochi, in una brutta prestazione collettiva, a combattere fino alla fine. Ammonito.

Buchel 5,5 – Ricordiamo solo un tiro in porta dalla distanza, bloccato in due tempi da Falcone. Non riesce a prendere le redini del centrocampo.

Eramo 5 – Si fa superare troppo facilmente da Kone che poi realizza il gol del raddoppio. Dopo una prestazione al di sotto dei suoi standard, è costretto ad uscire in seguito ad un duro colpo al costato.

Sabiri 5,5 – Perfetto l’assist su calcio piazzato per la deviazione vincente di Quaranta. Mai nel vivo del gioco, in una partita troppo importante da fallire.

Bajic 5 – Tende ad allargarsi sulla destra in cerca di palloni giocabili. Sempre braccato dai difensori che lo anticipano sistematicamente.

Bidaoui 6 – L’unico del reparto offensivo prova ad affondare. Nell’uno contro uno mette più di una volta in apprensione la retroguardia di casa.

Caligara (dal 17’st) 6 – Entra (bene) per l’infortunato Eramo e si batte con tenacia dimostrando lo spirito giusto di chi non si vuole arrendere.

D’Orazio (dall’11’st) 6 – E’ un ex. Subentra a Kragl e sulla sinistra si dimostra più propositivo e vivace del tedesco. L’arbitro gli annulla il gol del 2-2 che, dalle immagini, sembra invece regolare.

Parigini (dall’11’st) 5 – Subentra a Buchel. Tenta qualche folata delle sue, senza però trovare spunti degni di nota.

Cangiano (dal 30’st) 5 – Sostituisce uno spento Sabiri, ma la musica non cambia.

Simeri (dal 30’st) 5 – Al posto di Bajic. Tanto fumo e niente arrosto, anche se entrare nella mischia in queste situazioni non è facile.

Sottil 4,5 – Dopo i proclami della vigilia, ci si aspettava tutt’altra prestazione. Ed è invece il Cosenza a metterci quel qualcosa in più che gli permette di vincere una partita decisiva.

Serie B: in archivio la prima delle due puntate pasquali




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X