facebook rss

Ascoli, Sottil suona la carica:
«Match fondamentale,
siamo pronti e spensierati»

SERIE B - Domani l'importante sfida salvezza sul campo del Cosenza. Il tecnico: «Abbiamo lavorato molto bene, arriviamo lucidi e leggeri mentalmente. Prima convocazione per Cacciatore, assente Stoian per infortunio. Pulcinelli ci ha trasmesso tutta la sua vicinanza»

di Salvatore Mastropietro

Dopo due settimane di stop a causa degli impegni delle nazionali, in casa Ascoli è nuovamente giornata di vigilia. Domani, venerdì 2 aprile alle ore 15, i bianconeri saranno di scena al “San Vito-Marulla” di Cosenza per uno scontro salvezza di cruciale importanza. Il match, valevole per la 31esima giornata del campionato, aprirà il rush finale decisivo, che deciderà il destino della squadra di Andrea Sottil, attualmente terz’ultima in classifica e distante una sola lunghezza dalla zona playout occupata proprio dalla squadra di Occhiuzzi e dalla Reggiana.

L’Ascoli viene da un intenso periodo di allenamenti, che ha permesso di recuperare forza e brillantezza. Andrea Sottil, intervenuto ai microfoni della società, ha presentato la partita di domani partendo proprio da questo aspetto: «Abbiamo lavorato molto bene, con grande intensità, raggiungendo tutti gli obiettivi condizionali, tattici e tecnici che ci eravamo prefissati come staff. Sono molto soddisfatto della concentrazione con cui i ragazzi si sono allenati. Ho visto anche grande spregiudicatezza e allegria, aspetti importanti. La gara di Cosenza è uno spareggio, un match fondamentale. Siamo tutti consapevoli dell’importanza della partita e per questo siamo molto carichi. Questi giorni ci hanno fatto capire ancor più la nostra forza e la consapevolezza nei nostri mezzi. Rispettiamo un avversario che ci darà filo da torcere, ma abbiamo lavorato bene e i ragazzi sono pronti e consapevoli di quello che devono fare domani in campo. In particolare vedo una sana lucidità in tutti, arriviamo a questo impegno molto leggeri mentalmente, cosa che fa la differenza in questo tipo di gare».

Sottil con il vice Baroncelli

Il tecnico dovrà fare a meno dello squalificato Dionisi, oltre a Stoian, ancora indisponibile. Prima convocazione, invece, per Fabrizio Cacciatore: «Dionisi è un giocatore molto importante per le sue qualità tecniche, per la sua capacità di essere leader e di saper fare gol. E’ un calciatore simbolo di questa squadra, ma questo gruppo ha sempre dimostrato che chi è andato in campo per sostituire un compagno si è sempre fatto trovare pronto. Ci sono soluzioni che ho già attuato, chi giocherà farà la sua parte e la farà molto bene. E’ fondamentale responsabilizzare la rosa facendo sentire tutti importanti. Stoian ha ancora il fastidio muscolare al quadricipite, non sarà della partita. Cacciatore è reduce da un periodo di inattività, porta con sé la sua grande esperienza, il suo vissuto e l’entusiasmo, non tutti si mettono in discussione e hanno capacità di sacrificarsi. Finalmente ha raggiunto una condizione accettabile, è convocato. Sono contento perché può essere anche una guida per i giovani. Conta solo la partita di Cosenza, è una finale, è la partita obiettivo, le scelte sono mirate a questa gara».

In chiusura Sottil ha commentato la vicinanza del patron Massimo Pulcinelli, presente ieri al “Picchio Village” per caricare la squadra: «Il Patron è una figura di grande carisma, quando viene siamo tutti contenti. Ha la capacità di trasmettere serenità e la sua mentalità vincente. Nella vita è un vincente, uno che si è costruito un impero lavorando sodo e ci trasmette la mentalità di scendere in campo per vincere, consapevoli delle nostre forze, pur mantenendo quell’umiltà, che ci fa rispettare l’avversario. Ieri è stata una giornata bella, il Patron ci ha portato la sua vicinanza e la sua mentalità vincente».

Serie B: dopo la sosta ecco la no stop di Pasqua




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X