facebook rss

L’Ascoli torna a fare sul serio:
il rush finale parte da Cosenza

SERIE B - Dopo la sosta per le nazionali, il calendario mette subito di fronte uno scontro diretto di vitale importanza. Al "San Vito-Marulla" ci sono in palìo punti pesantissimi per entrambe le compagini. I due allenatori si affidano ai propri uomini chiave: Sottil sceglie Bajic e Bidaoui in assenza di Dionisi, Occhiuzzi punta sugli ex di turno Gerbo e Petrucci. Calcio d'inizio alle ore 15

di Salvatore Mastropietro

La sosta per le nazionali è ormai giunta al termine e per l’Ascoli c’è subito di fronte una gara cruciale in vista del prosieguo della stagione. Domani, venerdì 2 aprile alle ore 15, al “San Vito-Marulla” di Cosenza i bianconeri saranno impegnati in uno scontro diretto a dir poco decisivo. L’obiettivo salvezza passerà in modo importante dalla partita di domani contro un avversario che ha attualmente una lunghezza di vantaggio sulla squadra di Sottil, apparsa in ripresa nelle partite contro Pescara e Cremonese rispetto a quanto mostrato nel periodo di crisi a cavallo tra febbraio e marzo.

Il gruppo bianconero

Di fronte l’Ascoli troverà un avversario reduce da tre pareggi consecutivi, ma a secco di vittorie dallo scorso 27 febbraio contro il Chievo (unico successo dei rossoblù tra le mura amiche in 15 partite disputate). All’andata la squadra di Occhiuzzi superò quella allora allenata da Delio Rossi con un secco 0-3. Il momento del campionato era diverso, così come è diverso adesso lo stato di salute e l’umore della compagine picena. Aprire con un successo il rush finale di fine campionato non è auspicabile, ma necessario per il Picchio. Lo ha affermato mister Sottil e lo ha ribadito il patron Pulcinelli, che ha provato in questi giorni a mostrare in prima persona tutta la propria vicinanza ad un gruppo chiamato a quella che solo fino a tre mesi fa appariva come un’impresa.

Sottil

QUI ASCOLI – La sosta di due settimane ha permesso ai bianconeri di recuperare forze ed entusiasmo in vista del periodo conclusivo di un campionato vissuto fin qui attraverso molteplici facce. Mister Sottil ha potuto lavorare negli ultimi giorni con il gruppo al completo, contando anche su elementi – come il neo arrivato Fabrizio Cacciatore – che stanno ritrovando via via una forma ottimale. Al “San Vito-Marulla” ci sarà da fare i conti con l’assenza per squalifica di Federico Dionisi e con quella, per un problema muscolare, di Adrian Stoian. Per il resto, gli uomini a disposizione garantiranno alternative preziosi sia dal primo minuto sia a partita in corso.

Chance dal primo minuto per Bajic

Sebbene lunedì, nel giorno di Pasquetta, sia in programma un’altra partita piuttosto importante contro il Vicenza, mister Sottil è stato chiaro: tutte le scelte verranno fatte in funzione della gara di domani. Per questo è possibile immaginare l’ormai collaudato 4-3-1-2, visto all’opera quasi sempre nell’avventura del tecnico piemontese sulla panchina bianconera. Davanti a Nicola Leali, fresco di rinnovo fino al 2023, l’unico dubbio riguarda il ballottaggio tra Quaranta e Avlonitis. A completare il reparto ci saranno Pucino e Kragl sugli esterni oltre all’inamovibile capitano Brosco. In cabina di regia Buchel agirà al fianco di Saric ed Eramo (in vantaggio su Caligara). Nella posizione da trequartista Sabiri supporterà le due punte Bidaoui-Bajic.

In tutto sono 24 i calciatori partiti in giornata alla volta di Cosenza: Leali, Sarr, Avlonitis, Brosco, Cacciatore, Corbo, D’Orazio, Kragl, Pinna, Pucino, Quaranta, Buchel, Caligara, Danzi, Eramo, Mosti, Sabiri, Saric, Bajic, Bidaoui, Cangiano, Charpentier, Parigini, Simeri.

Gerbo: a gennaio l’ultima apparizione con la maglia del Picchio

QUI COSENZA – Le due settimame di sosta sono state abbastanza calde in casa rossoblu. Una contestazione di alcuni gruppi della tifoseria organizzata agli indirizzi del presidente Guarascio hanno riscaldato abbondantemente gli animi, ma adesso le attenzioni sono tornate ad essere focalizzate sui discorsi di campo. La squadra calabrese spera di tornare al successo dopo oltre un mese e di spezzare la “pariggite” che da inizio campionato caratterizza le proprie sfide casalinghe.

Gli occhi saranno puntati su tre ex bianconeri, che domani torneranno a sfidare la propria ex squadra. Due di loro, Gerbo e Petrucci, dovrebbero partire dal primo minuto, mentre il terzo, Trotta, sarà utilizzato probabilmente a gara in corso. Per il resto, mister Occhiuzzi potrà affidarsi al collaudato 3-4-1-2 e ai propri uomini chiave, compreso l’attaccante Gliozzi – in gol all’andata – recuperato quasi in extremis.

Questi i 24 calciatori convocati per la sfida di domani contro l’Ascoli: Falcone, Matosevic, Saracco, Antzoulas, Bouah, Corsi, Idda, Ingrosso, Legittimo, Schiavi, Tiritiello, Vera, Bahlouli, Crecco, Gerbo, Kone, Petrucci, Sciaudone, Tremolada, Carretta, Gliozzi, Sacko, Sueva, Trotta.

LE PROBABILI FORMAZIONI

COSENZA (3-4-1-2): Falcone; Idda, Ingrosso, Legittimo; Gerbo, Petrucci, Sciaudone, Crecco; Tremolada; Carretta, Gliozzi. Allenatore: Occhiuzzi.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pucino, Brosco, Quaranta, Kragl; Saric, Buchel, Eramo; Sabiri; Bidaoui, Bajic. Allenatore: Sottil.

Arbitro: Valeri di Roma 1 (assistenti Lombardi e Lombardo, quarto ufficiale Marchetti).

Stadio: San Vito-Marulla, ore 15.

Serie B: dopo la sosta ecco la no stop di Pasqua




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X