facebook rss

Ascoli, col Vicenza è un’ultima spiaggia:
al “Del Duca” è vietato sbagliare

SERIE B - A tre giorni dalla sconfitta di Cosenza e dopo il ritiro disposto dalla società, i bianconeri hanno l'obbligo di rialzarsi nella sfida contro i veneti. Mister Sottil si affiderà al solito 4-3-1-2: possibile esclusione per Pucino e Kragl, Dionisi torna da titolare al posto di Bajic. In casa biancorossa occhi puntati sugli ex Padella e Valentini. Calcio d'inizio alle 15, arbitra Massimi

di Salvatore Mastropietro

Mancano ancora sette finali alla fine del campionato, ma quella di domani contro il Vicenza assume a questo punto della stagione un’importanza decisamente elevata per l’Ascoli. A tre giorni dalla brutta sconfitta di Cosenza, i bianconeri non potranno più permettersi passi falsi. A maggior ragione se si considera che nelle partite successive il Picchio dovrà affrontare un trittico infernale contro tre aspiranti alla Serie A come Monza, Spal e Empoli.

Tutto l’ambiente si attende una reazione dal gruppo bianconero, reduce da un ritiro che ha come chiaro obiettivo quello di provare a restituire quella coesione e quello spirito necessario per puntare ad una difficile salvezza. Di fronte l’Ascoli troverà al “Del Deca” una squadra in salute come quella allenata da un allenatore esperto come Di Carlo. I veneti, giunti ormai in una posizione di classifica relativamente tranquilla, non vorranno di certo regalare nulla. Ci sarà, dunque, bisogno del miglior Ascoli per conquistare quei punti pesanti di cui adesso c’è disperato bisogno per scacciare quei fantasmi della zona retrocessione che per l’ennesima volta si sono posati sul “Picchio Village”.

Andrea Sottil (foto Ascoli Calcio)

QUI ASCOLI – Rispetto ai proclami delle due settimane di avvicinamento alla gara col Cosenza, i due giorni di avvicinamento alla partita col Vicenza sono trascorsi in un clima ben differente. Mister Sottil e i suoi, dopo aver predicato a lungo la necessità di “leggerezza”, ora devono fare i conti con gli inevitabili malumori dell’ambiente, dal patron Pulcinelli a qualche tifoso che non ha mancato di farlo notare al “Picchio Village”.

Tornerà titolare Federico Dionisi (foto Ascoli Calcio)

Per fare punti domani c’è l’assoluta necessità di non ripetere una prestazione molle e incolore come quella di Cosenza. Andrea Sottil dovrà affidarsi ai suoi uomini migliori, a partire da Federico Dionisi, rientrato dal turno di squalifica scontato per diffida. A meno di sorprese, il tecnico piemontese continuerà sulla strada del 4-3-1-2, da cui raramente si è schiodato nel corso della sua storia sulla panchina bianconera. Rispetto alla gara di venerdì, però, sono attesi almeno un paio di cambi di formazione.

Dovrebbero accomodarsi in panchina sia Pucino che Kragl, reduci da due prestazioni piuttosto negative. Sono pronti al loro posto Pinna e D’Orazio, ma non è da escludere nemmeno un possibile impiego di Cacciatore. Confermata come coppia centrale davanti a Leali quella composta da Brosco e Quaranta. A centrocampo un doppio ballottaggio vede al momento favoriti Buchel e Caligara, rispettivamente nei confronti di Danzi e Eramo. Inamovibile, invece, Saric, così come Sabiri in posizione di trequartista. In avanti Dionisi prenderà il posto di Bajic al fianco di Bidaoui, che dovrà garantire la solita fantasia.

Il gol siglato all’andata da Emanuele Padella (foto Ascoli Calcio)

QUI VICENZA – La vittoria arrivata nell’ultimo turno contro il Cittadella ha donato un bel po’ di euforia ai veneti, che ora hanno acquisito un vantaggio abbastanza rassicurante sulla zona calda. Mister Di Carlo, però, non vuole distrazioni dai suoi né eccessivi voli pindarici, riferendosi a coloro che nelle ultime ore hanno parlato di possibili ambizioni playoff. Per la trasferta di domani l’esperto tecnico ex Chievo dovrà fare i conti con un paio di assenze pesanti: non saranno a disposizione gli squalificati Meggiorini e Vandeputte e neanche l’infortunato Lanzafame.

La partita di domani avrà un sapore particolarmente speciale per due calciatori biancorossi come Emanuele Padella e Nahuel Valentini. Il primo, decisivo con un gol allo scadere nel 2-1 dell’andata, ha rilasciato parole dal sapore piuttosto dolci nei confronti della piazza bianconera: «Personalmente torno a casa. Ascoli è una città che mi ha dato tanto e mi darà tanto anche in futuro, perché è dove ho scelto di vivere a fine carriera. Noi andremo comunque lì per cercare di alimentare questo sogno». Valentini, arrivato a Vicenza lo scorso gennaio, è invece al primo confronto da avversario con il Picchio.

Massimi di Termoli designato per Ascoli-Vicenza

LE PROBABILI FORMAZIONI

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Pinna, Brosco, Quaranta, D’Orazio; Saric, Buchel, Caligara; Sabiri; Dionisi, Bidaoui. Allenatore: Sottil.

VICENZA (4-3-1-2): Grandi; Bruscagin, Padella, Pasini, Barlocco; Zonta, Rigoni, Agazzi; Da Riva; Giacomelli, Longo. Allenatore: Di Carlo.

Arbitro: Massimi di Termoli (assistenti Costanzo e Liberti, quarto ufficiale Marini).

Stadio: Del Duca, ore 15.

Serie B, si chiude la no stop di Pasqua

Serie B, cambia il Pordenone: Domizzi al posto di Tesser, incrocio tra ex Ascoli




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X