Quantcast
facebook rss

Ascoli-Ternana, un “Del Duca” da record stagionale: la carica del popolo bianconero per scalare la griglia playoff

SERIE B - L’ultimo atto della regular season vedrà i bianconeri contro uno degli avversari più in forma dell’ultimo periodo. Sottil: «Speriamo di migliorare la classifica, ci dobbiamo fare trovare pronti dopo tanti sacrifici». Probabile giro di riposo per i diffidati. Calcio d’inizio alle 20,30, arbitra Maggioni
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

L’euforia ed il grande entusiasmo che hanno fatto seguito all’exploit di Cremona sono progressivamente cresciuti negli ultimi giorni in casa Ascoli. La mente è più lucida, ma ha fatto aumentare ancora di più nell’ambiente la consapevolezza di essere di fronte ad un’occasione – quella dei playoff conquistati con pieno merito dopo 17 anni dall’ultima volta – da sfruttare nel migliore dei modi. Una chiara testimonianza è riscontrabile nel dato dei biglietti venduti per Ascoli-Ternana, che a circa 24 ore dal calcio d’inizio ammonta a 6.670 (di cui 335 ospiti). Si batterà con tutta probabilità il record stagionale, che appartiene ai 6.837 spettatori del match casalingo contro il Parma dello scorso dicembre.

La Curva Nord in occasione di Ascoli-Cittadella

 

Il popolo bianconero è pronto a spingere con tutto il proprio calore Dionisi e compagni alla ricerca di tre punti fondamentali, allo scopo di migliorare il piazzamento in classifica e di conseguenza il posizionamento nella griglia playoff. Sono diverse le combinazioni possibili, ma l’obiettivo principale è in ogni caso quello di cercare di agguantare quantomeno il quinto o sesto posto, che permetterebbero di avere nel primo turno il fattore campo e la possibilità di potersi qualificare alle semifinali anche con un pareggio al termine dei 120 minuti (90 regolamentari più 30 di supplementari eventuali).

In ogni caso quella di domani non sarà una pura formalità per la squadra di Sottil. Sebbene sia attualmente senza particolari obiettivi di classifica, la Ternana ci tiene comunque a chiudere al meglio il proprio campionato. Ne sanno qualcosa in questo senso Benevento e Perugia, cadute negli ultimi due turni proprio sotto i colpi degli umbri. Le Fere, allenate da Cristiano Lucarelli, sono terze nella classifica del girone di ritorno (31 punti), dietro solo al Monza (35) e allo stesso Ascoli (33).

 

Lo sa bene mister Andrea Sottil, che ha messo in guardia i suoi dai pericoli di un match da non prendere sotto gamba: «Dobbiamo continuare a fare quello che abbiamo sempre fatto all’insegna dell’entusiasmo e della felicità perché è stato raggiunto un obiettivo che mancava da tanti anni, ma siamo consapevoli che domani abbiamo l’ultimo impegno di campionato, davanti ai nostri tifosi e dobbiamo cercare di vincere attraverso una grande prestazione. E poi sperare – perché dipende dalla altre squadre – di migliorare la nostra classifica. La Ternana è una squadra forte, ha calciatori con grande esperienza per la categoria, ha fatto una stagione altalenante, alternando momenti positivi ad altri negativi. Ultimamente sta facendo molto bene, è una squadra in forma, mentalmente libera, gioca un buon calcio e nelle ultime gare sta trovando prestazioni e risultati, verrà a fare la propria partita e noi dovremo essere pronti e molto concentrati per cercare di vincere».

Botteghin, diffidato, rischierebbe in caso di ammonizione di saltare la prima sfida playoff

 

Sulla possibilità di risparmiare i diffidati:«Come sempre fra stasera e la rifinitura di domani farò le ultime considerazioni, metterò in campo il miglior undici, ma farò anche valutazioni in funzione dei playoff. In questa fase finale le fatiche mentali e nervose sono tante, noi ci siamo arrivati di rincorsa, ragionando partita per partita e questo ci ha permesso di avere freschezza mentale e spregiudicatezza, andiamo su tutti i campi senza badare a qual è l’avversario, alla maglia che indossa e a quanti spettatori ci sono».

 

Sull’ormai molto probabile record di presenze: «Abbiamo tifosi molto passionali e con una grande cultura calcistica, negli ultimi anni hanno lottato sempre per salvezze, anche all’ultima giornata. Da quando sono arrivato ho trovato dai tifosi grande sostegno e grande maturità, hanno sempre fatto discorsi costruttivi e motivazionali, facendo capire ai ragazzi, e anche al sottoscritto, che siamo l’Ascoli e non dobbiamo avere paura di nessuno. Insieme siamo cresciuti: la piazza ha ritrovato l’entusiasmo dei bei tempi e noi abbiamo trovato autostima e consapevolezza nei nostri mezzi. Lo scorso anno abbiamo ottenuto una salvezza che chiamerei più ‘vittoria del campionato’, quest’anno abbiamo centrato un obiettivo prestigioso. Sono orgoglioso di allenare l’Ascoli e questo gruppo, è bello vedere gente che per strada ti ringrazia, ti dà soddisfazione a livello professionale, sono un uomo che vive di emozioni, sensazioni, ma ora dobbiamo farci trovare pronti, abbiamo fatto tanti sacrifici per arrivare fino a qui».

A livello di formazione verranno probabilmente risparmiati tre diffidati come Botteghin, Falasco e Bidaoui. Al loro posto sono pronti rispettivamente Quaranta, D’Orazio e Tsadjout (al fianco di capitan Dionisi). Baschirotto, match winner del match di Cremona, è pronto a tornare dal 1’ minuto, vista anche la squalifica di Salvi. A centrocampo Buchel e Saric sembrano sicuri del posto, mentre per il terzo si giocano una maglia da titolare Collocolo e Caligara.

 

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Baschirotto, Bellusci, Quaranta, D’Orazio; Saric, Buchel, Caligara; Maistro; Tsadjout, Dionisi. Allenatore: Sottil

 

TERNANA (3-5-2): Iannarilli; Boben, Capuano, Celli; Defendi, Agazzi, Proietti, Palumbo, Martella; Partipilo, Donnarumma. Allenatore: Lucarelli

 

Arbitro: Maggioni di Lecco (assistenti Fontemurato di Roma e D’Ascanio di Ancona, quarto ufficiale Delrio di Reggio Emilia, Var Paterna di Teramo, Avar Mastrodonato di Molfetta)

 

Stadio: Del Duca, ore 20,30




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X