Quantcast
facebook rss

Nove reti dell’Ascoli nella prima uscita ad Amatrice, Bucchi: «Mi è piaciuto subito l’impegno» (Le foto)

SERIE B - Prima sgambata per i bianconeri davanti a una buona cornice di pubblico. Omaggio alle vittime del Sisma prima del calcio d’inizio. Il nuovo mister sceglie subito il 4-3-3: «È stato bello trovare questo entusiasmo da parte dei tifosi»
...

Le due squadre prima del fischio d’inizio (Foto Ascoli Calcio)

 

di Salvatore Mastropietro

 

Dopo i primi giorni di lavoro c’è stata subito l’occasione per l’Ascoli di mettere in pratica i princìpi provati in allenamento nel corso della prima amichevole stagionale. Al “Paride Tilesi” di Amatrice i bianconeri sono scesi in campo contro la compagine locale, militante nel campionato di Promozione, a poco meno di sei anni dal terribile terremoto e dall’ultima apparizione del Picchio nell’impianto cittadino (amichevole contro il Trastevere il 30 luglio 2016).

 

Le rappresentanze delle due squadre prima del match (Foto Ascoli Calcio)

Prima della partita, una delegazione di entrambe le squadre si è recata al “Parco Minozzi”, vicino allo stadio “Tilesi”, per rendere omaggio alle vittime del sisma del 2016 di fronte al monumento a loro dedicato. All’intervallo della partita, sul terreno di gioco del “Tilesi”, scambio di omaggi fra il Presidente dell’Amatrice Tito Capriccioli, il Presidente dell’Ascoli Carlo Neri e il Consigliere Comunale Giorgio Nibbi.

 

Davanti ad una buona cornice di pubblico mister Cristian Bucchi ha potuto provare subito il 4-3-3, modulo su cui si sta cominciando a programmare il prossimo campionato. Davanti a Leali, subito esordio sull’out di destra per l’ultimo arrivato Donati. A completare il pacchetto arretrato Falasco sulla sinistra con la coppia centrale formata da Botteghin e dal giovane Luciani. A centrocampo in cabina di regia c’è Caligara con Collocolo e Fontana ai suoi lati. In avanti, infine, scelto il tridente offensivo formato dal giovane Re, capitan Dionisi e Bidaoui.

 

Dionisi e Pirozzi (Foto Ascoli Calcio)

Dopo un inizio vivace da parte dei bianconeri – intervallato dal curioso episodio dell’invasione di campo da parte in un cane, portato fuori in braccio da Falasco – il match si sblocca dopo 26 minuti. Il primo gol non ufficiale della stagione dell’Ascoli è firmato da Re, bravo a depositare in porta con un bel diagonale. Tre minuti dopo è capitan Dionisi a trovare il raddoppio con un colpo di testa su bel cross dalla destra di Donati. Prima della fine della prima frazione arriva anche il gol del 3-0 con un colpo vincente di Palazzino, subentrato al minuto 32 al posto di Re.

 

Falasco (Foto Ascoli Calcio)

Nella ripresa si apre subito la girandola dei campi: dentro Guarna, Salvi, Giordano, Bellusci, Franzolini, Eramo, Saric, Ciciretti, De Paoli e Lungoyi. Si fa vedere subito Ciciretti, uno dei più attesi, al 53’ con una traversa colpita dopo una bella conclusione dal limite dell’area. Al 56’ è De Paoli a firmare il poker con un tocco da posizione ravvicinata. Al 67’ si accende Lungoyi, altro nuovo arrivato, con una bella iniziativa personale che lo porta a dribblare il portiere e a depositare in rete per il 5-0.

 

Lo stesso Lungoyi fa il bis personale due minuti dopo, mentre al 75’ è Eramo a trovare la gioia personale con un bel destro dal limite dell’area. Nel finale Ventola prende il posto di De Paoli e fissa il risultato sul 9-0 con una bella doppietta di testa: prima incorna su cross di Ciciretti e poi ribatte senza problemi una respinta del portiere avversario.

 

AMATRICE (4-4-2): Pezzotti; Di Francia, Campagna, Rendina, Cenfi; Pirozzi, Santarelli, Pagliuca, Lippoli; Maisto, Colangeli. Allenatore: Desideri.

ASCOLI (4-3-3): Leali (1’st Guarna); Donati (1’st Salvi), Botteghin (1’st Bellusci), Luciani, Falasco (1’st Giordano); Collocolo (1’st Franzolini), Caligara (1’st Eramo), Fontana (1’st Saric); Re (33’pt Palazzino, 1’st Ciciretti), Dionisi (1’st De Paoli, 30’st Ventola), Bidaoui (1’st Lungoyi). Allenatore: Bucchi.

Arbitro: Symonets di Tivoli

Reti: 26’pt Re (A), 29’ ptDionisi (A), 45’pt Palazzino (A), 11’st De Paoli (A), 22’st e 26’st Lungoyi (A), 29’st Eramo (A), 38’st e 42’st Ventola (A).

 

Bucchi (Foto Ascoli Calcio)

BUCCHI – «L’aspetto positivo è di aver intravisto quello che stiamo provando, che è qualcosina di diverso rispetto a quello che i ragazzi erano abituati a fare lo scorso anno. Lavoriamo da pochi giorni, ma mi è piaciuto l’impegno, poi è normale che le gambe ancora non girino. Sono arrivati calciatori giovani, ma ben avviati, come Donati, Giordano e Lungoyi, anche se quest’ultimo ha un vissuto diverso avendo già giocato campionati da protagonista in Svizzera. Sono giocatori vogliosi e noi dobbiamo essere bravi a dargli il tempo per prendere la confidenza con la categoria e con l’ambiente.

Quest’anno occorre una preparazione particolare perché ci sono cinque settimane scarse tra l’inizio del campionato e quando abbiamo cominciato a lavorare. Stiamo cercando di organizzare qualche amichevole anche impegnativa, per il momento comunque andiamo avanti con le doppie sedute. Oggi è stato bellissimo trovare l’entusiasmo dei tifosi e noi dobbiamo cavalcarlo, questa squadra suderà la maglia al 100% e speriamo insieme di toglierci belle soddisfazioni. La commemorazione per le vittime del sisma? Abbiamo visto gli strascichi che questa comunità si porta dietro, da parte nostra c’è la solidarietà e la voglia di dare una mano in tutti i modi possibili».

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X