Quantcast
facebook rss

Vaccini agli insegnanti,
l’attesa potrebbe essere
più breve del previsto

EMERGENZA CORONAVIRUS - La campagna vaccinale per il personale scolastico impegnato nel Piceno, anche se risiede fuori provincia o regione, potrebbe iniziare la prossima settimana, in contemporanea e nelle stesse sedi degli over 80. L'aggiornamento sul piano di somministrazione anche per le altre categorie
...

Il primo giorno della vaccinazione agli over 80 ad Ascoli

di Maria Nerina Galiè

Procede come da programma la vaccinazione contro il Covid per gli over 80 nella Casa della Gioventù di Ascoli e nel Palasport “Bernardo Speca” di San Benedetto iniziata sabato 20 febbraio (leggi qui).

Ma la novità è che, nel frattempo – e prima del previsto – potrebbe iniziare con la campagna vaccinale al personale scolastico, inaugurando così la fase 2 già a partire dall’inizio della prossima settimana.

Non si sbilancia il dottor Claudio Angelini, direttore del Servizio Igiene e Sanità pubblica dell’Area Vasta 5. Non anticipa la data di partenza delle vaccinazioni e nemmeno l’apertura delle prenotazioni che, se il calendario verrà confermato, dovrebbe essere vicinissima.

Ha già chiaro però il piano di “battaglia”: «Per personale scolastico s’intende tutto quello che è impiegato nelle scuole del Piceno, anche insegnanti e Ata che risiedono fuori provincia o regione. Si parla di oltre 3.000 utenti dei quali prevediamo un’adesione pari all’80%».

Insegnanti e Ata riceveranno il vaccino Astra Zeneca, già nei frigoriferi dell’Area Vasta 5, e nel numero di circa 140 al giorno, divisi tra le sedi di Ascoli e San Benedetto.

«Abbiamo risorse umane per poter somministrare il farmaco a più dei già previsti 388 anziani al giorno (198 ad Ascoli e 190 a San Benedetto, ndr)», ribadisce, come aveva già detto il giorno del V-day nella Casa della Gioventù di Ascoli. Ed evidentemente i suoi calcoli non erano stati dettanti dall’entusiasmo (leggi qui).

«Il personale scolastico sarà vaccinato fino al 12 marzo. Il 13 marzo partiranno i richiami per i 7.700 over 80 ed in contemporanea si riapriranno gli slot per gli altri ultra ottantenni che stanno continuando a prenotare in questi giorni. Dal 13 marzo faremo 388 richiami e 220 prime dosi al giorno. Sempre agli over 80».

Programmi che lasciano ben sperare. Mancano però ancora le modalità di somministrazione a domicilio per gli over 80 che non possono deambulare o raggiungere i punti vaccino – anche se le prenotazioni si possono già fare (leggi qui) –  e per le persone con co-morbilità, che da piano dovevano essere i primi della lista nella fase 2.

«Per queste categorie siamo in attesa di indicazioni. Molto dipenderà da quando sarà sottoscritto l’accordo tra la Regione Marche e i medici di medicina generale»

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X