Quantcast
facebook rss

Samb, Angiulli resta
Il ds Porchia: «E’ il nostro leader»

SERIE C - Il centrocampista rossoblù ha rifiutato Lecco e Sud Tirol, vuole continuare la sua avventura in rossoblù, Porchia: «Tutti i calciatori tesserati partiranno per il ritiro di Sefro, dove con Donati faremo le dovute valutazioni. Un minimo di minutaggio dobbiamo farlo, quindi punteremo anche sui giovani»
...

 

di Benedetto Marinangeli

 

«Tutti i tesserati della Samb verranno convocati in ritiro e ci saranno anche gli argentini». Eloquenti le parole del diesse Sandro Porchia. «Poi – aggiunge – con mister Donati faremo le opportune valutazioni. Al di la dei nomi c’è già una buona ossatura. A Sefro guarderemo attentamente tutto perché non possiamo permetterci il lusso di sbagliare».

Angiulli

Porchia ha iniziato i primi colloqui con i calciatori in organico. Chi sicuramente resterà alla Samb è Federico Angiulli. Il centrocampista rossoblù ha rifiutato sia il Lecco che il Sud Tirol. «E’ il nostro leader  – spiega il diesse rossoblù – e rimarrà con noi.  Anche il ragazzo ha espressamente detto di volere restare alla Samb e questo è un matrimonio che facciamo in due».

La Samb dovrà ricostruire l’intero reparto offensivo. Botta si è svincolato ed ha tantissime richieste anche in B, Maxi Lopez non rientra nei paini tecnici e Lescano ha firmato con l’Entella. «In organico – è sempre Porchia che parla – abbiamo solo Bacio Terracino. Viene da un’annata difficile sotto il profilo fisico ma quando sta bene ha dimostrato di essere un ottimo calciatore. L’aspetto fisico sarà valutato nel corso del ritiro».

Porchia e Donati con il patron Renzi

Il club del Riviera delle Palme punterà anche sui giovani. «E’ vero – dice Porchia – un minimo di minutaggio dobbiamo farlo e quindi ci orienteremo anche sui giovani. Me lo ha chiesto il presidente e lo faremo. Due, tre ragazzi del settore giovanile verranno in ritiro a Sefro. Per loro sarà un premio e se confermeranno il loro potenziale potrebbero anche restare con la prima squadra. Sto parlando con tanti procuratori per alcuni giovani ma dobbiamo ponderare bene tutto».

DE SARLO ALL’IMOLESE – Vi ricordate Antonio De Sarlo, l’imprenditore di Battipaglia che rinunciò a partecipare alla prima asta per l’acquisto del comparto aziendale della Samb? Ebbene, è finalmente entrato nel mondo del calcio acquistando l’Imolese. In terra romagnola è terminata l’era di Lorenzo Spagnoli come presidente dell’Imolese ed il nuovo proprietario del club è proprio De Sarlo che un mese fa circa, insieme a Gianni Moneti, si era interessato anche alla Samb preparando tutti gli incartamenti necessari per l’asta per poi non presentarsi all’ultimo minuto. Ora ecco l’avventura di Imola dove sarà seguito anche dall’ex rossobù Aniello Martone che ricoprirà il ruolo di direttore generale. Per la panchina sono candidati Federico Guidi e l’ex Ascoli Gaetano “Gimmi” Fontana.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X