Quantcast
facebook rss

Omicidio Cianfrone, nessuna sentenza:
processo aggiornato, nuovo perito
nominato fra un mese

ASCOLI - La decisione della Corte d'Assise di Macerata è un colpo di scena. I giudici sono entrati in camera di consiglio con la richiesta di ergastolo formulata la scorsa settimana dal pubblico ministero. Disposta una nuova perizia sui residui della polvere da sparo. Processo aggiornato al 13 gennaio
...

La ciclopedonale teatro del tragico episodio, nel riquadro Antonio Cianfrone

 

di Andrea Ferretti

 

Dopo due e ore e mezza di camera di consiglio, nessuna sentenza oggi giovedì 16 dicembre, nel processo per l’omicidio Cianfrone. Colpo di scena. Al posto del verdetto, atteso dai giudici della Corte d’Assise di Macerata nei confronti di Giuseppe Spagnulo e Francesca Angiulli, marito e moglie, è stata disposta una nuova perizia sui residui della polvere da sparo. E il processo è stato aggiornato al 13 gennaio, fra meno di un mese: quel giorno verrà nominato un nuovo perito.

Antonio Spagnulo prima di un’udienza della scorsa estate a Macerata

Giovedì scorso 9 dicembre il pubblico ministro Umberto Monti, al termine della requisitoria, aveva chiesto la condanna all’ergastolo per entrambi, con isolamento diurno per tre mesi e nessuna attenuante. Una decisione legata ai dubbi sollevati dagli avvocati difensori della coppia sui residui di polvere da sparo rinvenuti sulle manopole della moto che sarebbe stata usata per commettere il delitto.

I coniugi Spagnulo sono accusati di aver ucciso Antonio Cianfrone, freddato con tre colpi di pistola esplosi da distanza ravvicinata il 3 giugno 2020 lungo la pista ciclopedonale di Pagliare del Tronto. Cianfrone era stato vice comandante della caserma dei Carabinieri di Monsampolo del Tronto.

Francesca Angiulli prima di un’udienza della scorsa estate a Macerata

Furono giorni ovviamente molto concitati. Le indagini condotte dai Carabinieri del Comando provinciale di Ascoli, allora guidati dal colonnello Ciro Niglio, e coordinate dalla Procura della Repubblica di Ascoli con il procuratore capo Umberto Monti, dopo sei giorni portarono all’arresto di Spagnulo e Angiulli: era il 9 giugno. 

Difesi dagli avvocati Alessandro Angellozzi, Felice Franchi e Gianfranco Di Marcello, i due vennero rinviati a giudizio il 29 aprile 2021 dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Ascoli Rita De Angelis. 

Il processo si aprì l’8 luglio, poi le udienze si sono susseguite il 16 luglio, 16 e 30 settembre, 14 e 28 ottobre; 4, 11, 18 e 25 novembre, 2 dicembre. Quindi la discussione del 9 dicembre, conclusasi con la richiesta del pubblico ministero.

Nel corso di queste udienze sono stati ascoltati numerosi testimoni, tra cui diversi carabinieri della Stazione di Monsampolo, dove aveva prestato servizio Cianfrone, e del Comando di Ascoli.

 

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X