Quantcast
facebook rss

Ballottaggio, trionfa Spazzafumo,
parte la festa: bagno di folla
per il nuovo sindaco

SAN BENEDETTO - L’indimenticabile pomeriggio dell’imprenditore 58enne, tra brindisi, annunci e festeggiamenti in grande stile. «Abbiamo liberato la città»
...

 

di Federico Ameli

A due settimane di distanza da uno spoglio elettorale decisamente travagliato, con il verdetto ufficiale arrivato solo nella tarda serata di lunedì 4 ottobre, questa volta basta appena un’ora ai delegati comunali sparsi tra i 43 seggi di San Benedetto per decretare la sconfitta del sindaco uscente Pasqualino Piunti (centrodestra) e il conseguente trionfo di Antonio Spazzafumo, leader della coalizione civica Libera, scelto dai sambenedettesi come nuovo sindaco della città con il 54,27% delle preferenze.

Spazzafumo festeggia la vittoria con i suoi sostenitori

I clacson che si rincorrono lungo viale De Gasperi e i primi annunci diffusi via social non fanno altro che anticipare un’ufficialità che non tarda poi molto ad arrivare. Tra beninformati e semplici curiosi, in Comune iniziano a darsi appuntamento i primi sostenitori del neoeletto sindaco, che qualche minuto più tardi farà il suo arrivo trionfale in quella che per i prossimi cinque anni rappresenterà la sua seconda casa.

Sono le 16,50 di lunedì 18 ottobre quando, con il favore delle urne del ballottaggio ormai ampiamente in tasca, Antonio Spazzafumo si presenta da primo cittadino nell’atrio del palazzo comunale di San Benedetto.

A pochi metri di distanza, Pasqualino Piunti sta rilasciando qualche commento a caldo su una sconfitta per certi versi inaspettata. In una sorta di ideale passaggio di consegne, l’imprenditore sambenedettese viene acclamato e portato in trionfo dai suoi sostenitori.  Una volta archiviati annunci e dichiarazioni di rito, in Comune può ufficialmente partire la festa di Spazzafumo.

Il nuovo sindaco portato in trionfo

Tra brindisi e cori di gioia, l’indimenticabile pomeriggio di Spazzafumo prosegue con l’ingresso in municipio e il discorso pronunciato nella sala consiliare che dovrà presiedere per i prossimi cinque anni. La prima volta, si sa, non si scorda mai: l’emozione – sia al microfono che in platea – si fa sentire, ma alla fine l’applauso convinto della sua gente ripaga tutti gli sforzi profusi in quasi un anno di intensa campagna elettorale.

Ci sarà tempo per pensare alla composizione della nuova giunta e ai primi impegni di mandato. Nel frattempo, un anonimo furgoncino si prepara a rifocillare i presenti con la tradizionale porchetta di fine elezioni. «Non mi aspettavo tutto questo, pensavo a un’accoglienza molto più raccolta» rivela Spazzafumo ad alcuni amici mentre la folla prende d’assalto il cestino dei panini.

Nel frattempo in viale De Gasperi il sole lascia spazio alla sera e a una nuova pagina di storia sambenedettese. C’è un nuovo nome da affiggere alla bacheca comunale che riporta l’elenco quasi completo – mancherebbe ancora all’appello l’uscente Piunti – dei sindaci della città: è quello di Antonio Spazzafumo, leader della coalizione Libera.

L’ingresso in Comune

Il primo discorso nella sala consiliare

La folla radunata in Comune

Spazzafumo alle prese con la tradizionale porchetta

L’elenco dei sindaci di San Benedetto

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X