Quantcast
facebook rss

Ascoli, la carica del popolo del Picchio per dare subito continuità: al “Del Duca” si cerca il bis contro la Spal

SERIE B - Sugli spalti si attende un'altra ottima cornice di pubblico, probabili oltre 7.000 presenze. Mister Bucchi con il dubbio Gondo-Dionisi al centro dell'attacco: «Mi piace tenere i ragazzi sulle spine, sarà una partita difficile per noi e per loro». Gli estensi degli ex Lupo e Maistro si affidano alla coppia pesante La Mantia-Moncini. Arbitra Gariglio, calcio d'inizio alle 20,45
...

La squadra sotto la Curva al termine del match contro la Ternana (foto Ascoli Calcio)

 

di Salvatore Mastropietro

 

Giocare in casa le prime due partite di campionato non è un fatto particolarmente usuale, ma l’Ascoli ha questa opportunità e vuole sfruttarla fino in fondo. Dopo il 2-1 rifilato alla Ternana domenica scorsa, domani sera i bianconeri ospiteranno la Spal con l’obiettivo di dare subito continuità alle ottime sensazioni (e conseguenti risultati) arrivate dai primi impegni stagionali, ufficiali e non.

 

I tifosi bianconeri durante Ascoli-Ternana

Per farlo gli uomini di Cristian Bucchi potranno contare ancora sulla carica del popolo del Picchio. Il dato parziale, aggiornato alle 19, parla di 6390 presenti, compresi i 3648 abbonati e i 218 ospiti. Si attende, dunque, un’altra ottima cornice di pubblico (probabilmente oltre i 7.000), sebbene inferiore a quella di una settimana fa nel match contro gli umbri (quando però c’era stato il tutto esaurito nel settore ospiti).

 

Come praticamente tutti nella Serie B 2021-2022, l’impegno di domani nasconde particolari insidie. La Spal, grazie al lavoro dell’ex direttore sportivo bianconero Fabio Lupo, si è rinforzata parecchio in sede di calciomercato con innesti del calibro di Maistro (altro ex, acquistato a titolo definitivo dalla Lazio), Moncini e La Mantia. Gli estensi, inoltre, arriveranno al “Del Duca” con il dente avvelenato dopo il netto ko casalingo arrivato nel primo turno contro la Reggina di Pippo Inzaghi.

 

Cristian Bucchi

Di questo ed altro ha parlato nella conferenza stampa della vigilia mister Bucchi: «Affronteremo una Spal molto forte. Ha perso la prima partita con tanti episodi, ma è una squadra che crea tanto, molto aggressiva. Conosco molto bene le squadre di Venturato, sempre organizzate, sarà una partita difficile per noi, ma anche per loro. Mi aspetto di vedere una squadra gagliarda, aggressiva, vogliosa di giocare bene e di continuare il percorso che stiamo intraprendendo. Hanno preso La Mantia e Moncini, Maistro, che lo scorso anno qui ha fatto vedere grandi cose, adesso è arrivato Proia. Hanno fatto tante operazioni di mercato importanti per rafforzare la squadra, poi fuori casa rendono anche meglio che in casa, non a caso hanno vinto la partita di Coppa Italia con l’Empoli. Insomma, la Spal è una squadra temibile, che ha gradi qualità e noi dovremo essere bravi e dimostrare nei 90’ di essere migliori con le nostre qualità».

 

Il tecnico, al termine della sfida con la Ternana, aveva evidenziato un eccesso di spregiudicatezza nei suoi, a scapito di un certo equilibrio: «Stiamo cercando l’equilibrio tattico, è una delle cose più complicate da trovare. Avendo cambiato sistema di gioco rispetto allo scorso anno, bisogna trovare la quadratura, soprattutto nella tenuta. La difficoltà è data da una condizione ancora non ottimale, siamo alla seconda giornata di campionato, quindi sono pochi i calciatori che riescono a tenere i 95’ a buon ritmo. L’entusiasmo e l’esuberanza sono importanti, ma devono essere calibrati e controllati da una gestione delle forze. Non si può andare sempre a mille all’ora, bisogna capire i momenti in cui accelerare e quelli in cui aspettare e recuperare le energie».

 

Dionisi (Foto Ascoli Calcio)

Mister Bucchi potrà contare sui rientri di Salvi e Dionisi: «Abbiamo recuperato Salvi e Dionisi e questo è importantissimo perché a destra avevamo solo Donati e quindi abbiamo riformato la coppia. Sapete quanto è importante Federico per noi perché, oltre ad essere un grande attaccante, è un uomo importante per questa squadra, è il nostro capitano, quindi averlo è per noi energia. Le valutazioni le faremo all’ultimo secondo, domani abbiamo un’altra seduta e voglio vedere come stanno i ragazzi. Non abbiamo avuto il giorno di recupero, ma ho visto la squadra lavorare bene, mi è piaciuta, sceglierò domattina, mi piace tenere i ragazzi un po’ sulle spine».

 

Il tecnico bianconero si è espresso anche sulla difficoltà nel lavorare col mercato ancora aperto (la gestione del caso Saric, sempre più vicino alla Cremonese, è il caso più eclatante): «E’ il più grande problema di tutte le squadre, in particolar modo degli allenatori. Si vivono quattro partite ufficiali, Coppa Italia compresa, col mercato aperto, coi giocatori che non si sa se rinnovano o vanno, altri che vogliono andar via e magari resteranno. Non è facile perché ci sono dinamiche di spogliatoio, tecniche e di campo che avrebbero bisogno di una serenità e tranquillità diverse. Speriamo arrivi presto il primo settembre e si chiudano le porte del mercato così che fino a gennaio si possa lavorare con un gruppo che riesca a cementarsi bene».

 

Gondo (foto Ascoli Calcio)

Dal punto di vista della formazione mister Bucchi deve risolvere almeno un paio di dubbi per il 4-3-3 iniziale. Il primo, in difesa, riguarda quello tra Donati e Salvi, in cui il primo resta in vantaggio in virtù di una migliore condizione fisica. Sulla sinistra, invece, Giordano dovrebbe essere ancora favorito a Falasco. A centrocampo saranno nuovamente Collocolo e Caligara ad agire ai lati del regista Buchel. In avanti, invece, il ballottaggio principale riguarda chi andrà ad occupare il centro del tridente completato da Lungoyi e Bidaoui. Per Gondo e Dionisi le possibilità di essere scelti dal primo sono sostanzialmente pari, ma il primo resta per il momento in leggero vantaggio.

 

Questa la lista completa dei convocati di Bucchi (c’è Saric, out ancora Iliev e stavolta anche De Paoli): 12 Bolletta, 13 Guarna, 1 Leali, 55 Bellusci, 33 Botteghin, 20 Donati, 54 Falasco, 21 Giordano, 5 Quaranta, 2 Salvi, 4 Simic, 77 Buchel, 8 Caligara, 18 Collocolo, 27 Eramo, 99 Fontana, 32 Giovane, 30 Saric. 26 Bidaoui, 10 Ciciretti, 9 Dionisi, 23 Falzerano, 15 Gondo, 7 Lungoyi.

 

LE PROBABILI FORMAZIONI

 

ASCOLI (4-3-3): Leali; Donati, Botteghin, Bellusci, Giordano; Collocolo, Buchel, Caligara; Lungoyi, Gondo, Bidaoui. Allenatore: Bucchi

 

SPAL (4-3-1-2): Alfonso; Dickmann, Meccariello, Arena, Celia; Murgia, Esposito, Zanellato; Maistro; La Mantia, Moncini. Allenatore: Venturato

 

Arbitro: Gariglio di Pinerolo (assistenti Fontemurato di Roma e Niedda di Ozieri, quarto ufficiale Centi di Terni, Var Giua di Olbia, Avar Margani di Latina)

 

Stadio: Del Duca, ore 20,45




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X