Quantcast
facebook rss

Quintana: cavalieri pronti
a sfidare il Moro,
tutti gli altri figuranti pronti
ad affrontare il caldo africano

ASCOLI - I sei protagonisti della Giostra non effettueranno la sfilata di andata per risparmiarsi in vista della Giostra al Campo dei Giochi. Temperature da record e rischio malori assai elevato. Sanitari e volontari già allertati con il "pronto soccorso da campo". Sei dame coraggiose, ma il trucco può sciogliersi. Domani sera il prologo dell'Offerta dei Ceri
...

Le sei dame. In alto da sinistra: Stefania Damiani (Porta Romana), Valentina Galati (Sant’Emidio), Federica Mazzanti (Porta Tufilla). In basso da sinistra: Chiara Cicchi (Piazzarola), Elena Grazioli (Porta Solestà), Barbara Mannocchi (Porta Maggiore)

 

 

di Andrea Ferretti

 

Rovente non è solo un aggettivo per descrivere l’attesa e poi la sfida dei cavalieri protagonisti della Giostra. Non è una grossa novità trattandosi della prima domenica di agosto, ma stavolta la Quintana si svolgerà davvero con temperatura africana. Il corteo si raduna alle 14,45 in Piazza Ventidio Basso (San Pietro Martire) probabilmente nel momento del picco della giornata, con il termometro sui quaranta gradi. Cioè il motivo per cui è stato deciso che i cavalieri giostranti sfileranno soltanto all’interno del Campo dei Giochi.

Intanto il servizio sanitario del 118 e i volontari, sempre presenti al vecchio Squarcia, stanno organizzandosi – stavolta più che mai – ben sapendo che ci saranno diverse persone da soccorrere. Mancamenti e svenimenti causati da caldo e fatica, che fanno ormai parte della Quintana e della sua storia.

A forte rischio i figuranti che dopo l’infernale corteo di andata si sistemeranno sulle roventi tribunette in ferro, finendo così per sciogliersi del tutto. All’arrivo al Campo dei Giochi, rispetto all’ultima Quintana, stavolta ai figuranti verrà subito distribuita dell’acqua.

La palestra anche quest’anno viene trasformata in “pronto soccorso da campo” con medici, infermieri e volontari pronti ad aiutare chi ne avrà bisogno. Chi ha particolari problemi di salute probabilmente avrà rinunciato a sfilare. Tantissimi altri saranno presenti. Compreso chi indossa armature di metallo, chi suona la chiarina (uno dei figuranti più a rischio) o il tamburo, chi porta attrezzature pesanti come gonfaloni e bandiere di stoffa montate su pali di legno. Gli organizzatori dei cortei di Sestiere, ma in questo caso soprattutto i genitori, avrebbero potuto “risparmiare” bambini e bambine. Così non è stato, ma è ben noto che per una foto o un video dei propri pargoli durante il corteo si fa questo e altro.

L’Offerta dei Ceri

IL PROLOGO – Si svolge domani, sabato 31 luglio, alle ore 20 a Piazza Arringo. Siccome la temperatura non fa sconti nemmeno la sera, ecco che la cerimonia dell’Offerta dei Ceri di domani, sabato 31 luglio, servirà a temprare diversi figuranti che domenica dovranno affrontare mezza giornata vestendo abiti di velluto sotto il sole cocente. L’Offerta dei Ceri al patrono Sant’Emidio da parte di Comune, Sestieri e Castelli precede l’estrazione dell’ordine d’assalto al Moro del giorno dopo. Dopo la Madonna della Pace, si ripete la formula dei consoli che estraggono a turno, un biglietto con un  numero – da 1 a 6 – che è poi la posizione di partenza del proprio cavaliere. Dentro l’elmo del Capitano del Popolo si intrufolerà, nell’ordine, la mano del console di Porta Romana (Luigi Tulli), Porta Tufilla (Francesco Mazzocchi), Piazzarola (Luigi Morganti), Sant’Emidio (Vittorio Crescenzi), Porta Maggiore (David Vitelli), Porta Solestà (Patrizio Zunica).

In alto: Innocenzi (Solestà), Zannori (Maggiore) e Lionetti (Piazzarola). In basso: Melosso (Romana), Gubbini (Tufilla) e Chicchini (S.Emidio)

I CAVALIERI – Consiglio degli Anziani e Sestieri hanno concordato sulla non sfilata (solo quella di andata) dei cavalieri. Una soluzione che ha scatenato polemiche e, in qualche caso, indignazione. Nel corteo di andata stavolta manca dunque il personaggio principale di una Quintana che, a prescindere dal termometro, resterà monca. I cavalieri, tutti belli freschi, raggiungeranno il Campo dei Giochi in auto, con rigorosa aria condizionata a bordo. Poi giro di campo, cerimonia del fazzoletto e Giostra. Sono Luca Innocenzi di Porta Solestà, il 39enne campione da battere: è di Foligno ha vinto 14 volte ed è a caccia della sesta doppietta personale. Massimo Gubbini di Porta Tufilla ha 38 anni, è fermo a quota 6 Palii ed ha avuto la sfortuna di inciampare in un coetaneo (e concittadino) del calibro di Innocenzi. Lorenzo Melosso di Porta Romana, ascolano di 20 anni, sembra gareggi da trenta lottando alla pari con i big: terzo a luglio e un Palio prima del covid. Pierluigi Chicchini di Sant’Emidio, 32 anni folignate, ha esordito nella notturna e su lui il popolo rossoverde ripone grandi speranze. Nicholas Lionetti della Piazzarola, 22 anni, è di Faenza ed è ancora alla ricerca dello scatto decisivo. Mattia Zannori di Porta Maggiore, 28enne di San Gemini (Terni), vuole dimostrare a tutti, soprattutto ai suoi sestieranti, che quello che è accaduto l’ultima volta è stato il frutto solo di una giornata storta.

LE DAME – Il caldo record mette davvero a forte rischio il trucco delle “signore dei Sestieri”. Sacrificio compensato da una… cura dimagrante lampo. Anche loro sono pronte a combattere caldo e sete. Secondo quest’ordine, sono pronte a sfidare il caldo torrido: la 28enne Elena Grazioli di Porta Solestà, la 30enne Federica Mazzanti di Porta Tufilla, la 43enne Stefania Damiani di Porta Romana, la 45enne Valentina Galati di Sant’Emidio, la 40enne Chiara Cicchi della Piazzarola, la 54enne Barbara Mannocchi di Porta Maggiore. Buona fortuna.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X