facebook rss

Riunione Stato-Regioni:
«Stop AstraZeneca
agli under 60 anni»

VACCINI - L'assessore regionale delle Marche, Filippo Saltamartini, annuncia che da domani (giovedì 8 aprile) il farmaco non sarà somministrato in seguito alle determinazioni dell'Ema che hanno portato al summit di questa sera
saltamartini-riunione-astrazeneca-e1617826648697-650x359

La conferenza Stato-Regioni

«Da domani (giovedì 8 aprile, ndr) niente vaccino AstraZeneca per persone che hanno meno di 60 anni», l’annuncio è dell’assessore Filippo Saltamartini. Questa la disposizione data nel corso della conferenza Stato-Regioni che si è svolta questa sera, mercoledì 7 aprile, alle ore 20, per affrontare la questione del vaccino dopo le nuove determinazioni dell’Ema (Agenzia europea per i medicinali).

Secondo l’Ema infatti ci potrebbe essere un legame tra alcune rare trombosi e il farmaco (che in Italia era già stato sospeso dopo le morti sospette di alcune persone, che poi era stato accertato non fossero legate ad AstraZeneca). Se in quel caso la disposizione era dell’Aifa, stavolta è l’Ema a mettere in guardia da possibili rischi. Da qui la Conferenza Stato Regioni con i ministri Gelmini e Speranza, il commissario Figliuolo (che domani sarà a Macerata per l’inaugurazione del nuovo centro vaccinale, a Piediripa) e il direttore dell’Istituto superiore di sanità, Franco Locatelli.

«Sono state osservate trombosi venose cerebrali e di organi addominali con una diminuzione delle piastrine per le persone con meno di 60 anni –-dice Saltamartini – tutti i sintomi (è stato detto) sono stati osservati dopo la prima dose e, pertanto, è possibile somministrare il richiamo con AstraZeneca. Conseguentemente si dovranno aprire gli slot delle persone da 60 a 70 anni con il siero AstraZeneca».

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X