Quantcast
facebook rss

“Lu Scorfena d’Ore” al rush finale

ASCOLI - Ultime segnalazioni da parte dei cittadini ad “Ascoli Nostra” di situazioni di degrado, poi la premiazione dell’originale concorso. A proposito di brutture, non mancano segnalazioni di rue dove proliferano erbacce
...

Quel che resta della base del palo della illuminazione pubblica in Via Dino Angelini

 

di Andrea Ferretti

 

Sta per chiudersi ad Ascoli il concorso 2022 “Lu Scorfena d’Ore” ideato e promosso dall’associazione “Ascoli Nostra”. Ultime segnalazioni sul tavolo della giuria che deciderà poi a chi assegnare i tre premi previsti: Scorfano d’Oro, Scorfano d’Argento e Scorfano di Bronzo. Numerose, come ogni anno le situazioni di degrado, le brutture segnalate dai cittadini. Molte riguardano casi eclatanti sotto gli occhi di tutti. Molte altre si riferiscono invece a piccoli “sgorbi” ormai purtroppo diventati… consuetudine.

 

Vittima, per tutti, il decoro urbano in una città a vocazione turistica pronta a presentarsi per l’estate quest’anno giunta addirittura con largo anticipo. Obiettivo di Ascoli Nostra” è che «questa iniziativa possa destare negli enti preposti maggiore attenzione anche ai piccoli dettagli per ottenere una città apprezzata e ammirata».

 

Tra le segnalazioni di brutture, Cronache Picene aggiunge quelle di nostri lettori riguardanti rue del centro storico dove l’erba – chiamiamola erbaccia che rende meglio l’idea – cresce sempre più alta, con conseguenti problemi igienico-sanitari. Si tratta infatti di zone dove, soprattutto di notte, non è raro imbattersi in qualche pantegana.

 

Le foto riguardano Rua dei Tuzi e Rua dei Serianni, solo due esempi di una lista molto più lunga. In casi del genere, soprattutto i residenti devono rivolgersi a “Ecoinnova” che con i suoi addetti provvede ad intervenire. Lo fa quando riceve segnalazioni mirate, ma anche con operazioni rutinarie.

 

 

ALCUNE FOTO-SEGNALAZIONI DI “ASCOLI NOSTRA”

 

“Lu Scorfena d’Ore”, in classifica entra in extremis l’orologio dell’Annunziata

Il muretto dell’asilo nido in bilico da otto anni

Bacheche turistiche: quando lo “scorfena” produce effetti

“Scorfena d’Ore” al rush finale: pronto il premio per la bruttura più votata

“Lu Scorfena della settimana” a caditoie e tombini ostruiti

“Scorfena della settimana” alle serrande imbrattate

“Scorfena della settimana” al cantiere abbandonato

“Scorfena della settimana” a tutte le fontane abbandonate della città

“Scorfena della settimana” al volantinaggio selvaggio

“Lu Scorfena della settimana” alla fontana del “Jolly”

“Lu Scorfena della settimana” alle bacheche abusive

“Scorfena della settimana” alle bacheche del Jolly

“Scorfena della settimana” alla porta sbucata dal nulla

“Scorfena della settimana” alla Loggia dei Mercanti

“Scorfena della settimana” agli improponibili balconi del centro storico

“Scorfena della settimana”: vince l’aiuola di San Pietro Martire

“Scorfena della settimana” alla parete che cade a pezzi

Le bacheche per i turisti? Meglio non guardarle

“Scorfena della settimana”: le inguardabili tettoie

“Scorfena della settimana” al Ponte di Cecco diventato off limits

“Scorfena della settimana”: la fontana di Piazza San Tommaso

“Scorfena della settimana” a quel che resta delle bacheche

“Scorfena della settimana” il portone abbandonato di via dei Bonaccorsi

Scorfena della settimana: la Torre del Cucco abbandonata a incuria e vandali

Premio “La scorfena d’oro”: brutture cittadine in bella vista


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X