facebook rss

Malattie Infettive
dell’ospedale “Mazzoni”,
interviene il sindaco Fioravanti

EMERGENZA CORONAVIRUS - Il primo cittadino: «Sarà imprescindibile però separare l’accesso del reparto di Malattie Infettive dal resto dell’ospedale Mazzoni, con un percorso dedicato che eviti qualsiasi rischio contagio per i tanti pazienti che devono quotidianamente recarsi presso il nosocomio cittadino per sottoporsi ad altre tipologie di cure e controlli»

Il sindaco di Ascoli, Marco Fioravanti, interviene sui nuovi posti letto per i positivi al Covid che verranno attrezzati nel reparto Malattie Infettive dell’ospedale Mazzoni.

«La direzione sanitaria di Area Vasta 5 ha reso noto che saranno adibiti 20 nuovi posti letto presso il reparto di Malattie Infettive per il ricovero e la cura di pazienti Covid. Ho sempre reputato fondamentale – dice Fioravanti – mantenere distinti i plessi ospedalieri in cui sono in cura pazienti risultati positivi al Covid da quelli in cui si trovano soggetti non positivi al Covid.

A maggior ragione dopo che, nei mesi scorsi, si è riusciti a garantire una valida risposta a tale emergenza sanitaria, sia nelle strutture di pazienti no-Covid presso l’ospedale Mazzoni sia per la parte “semi intensiva” e “intensiva” presso gli ospedali di San Benedetto e Fermo. Ciò nonostante – aggiunge il sindaco – vista la situazione cui tutti insieme dobbiamo far fronte, da parte nostra sarà garantita la massima disponibilità all’utilizzo degli spazi individuati dalla direzione sanitaria di Area Vasta 5.

Sarà imprescindibile però separare l’accesso del reparto di Malattie Infettive dal resto dell’ospedale Mazzoni, con un percorso dedicato che eviti qualsiasi rischio contagio per i tanti pazienti che devono quotidianamente recarsi presso il nosocomio cittadino per sottoporsi ad altre tipologie di cure e controlli. Al termine dell’emergenza, come assicurato dalla direzione sanitaria, l’ospedale Mazzoni – conclude il sindaco Fioravanti – tornerà ad avere in maniera stabile e duratura un reparto destinato alle Malattie Infettive: una soluzione che apprezziamo e che condividiamo, poiché garantirà un maggior numero di servizi per l’intero territorio provinciale e un implemento del personale sanitario specializzato, con risorse umane stabilmente dedicate a tali servizi e non sottratte ad altri reparti».



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X