Quantcast
facebook rss

Scuole di danza,
sit in davanti al Ventidio Basso

ASCOLI - Una rappresentanza di insegnanti ed allieve ha dato vita ad una protesta silenziosa davanti al teatro. Con loro anche il sindaco Marco Fioravanti e la consigliera comunale Laura Trontini
...

Un momento del sit in (foto di Stefano Capponi)

Sulla scia dello slogan “Io vivo di danza”, lanciato a livello nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione in cui si trovano ad agire le scuole di danza in epoca Covid, anche tre le cento torri è andata in scena una misurata manifestazione sul tema.

Trontini e Fioravanti

 

Una rappresentanza delle scuole ascolane, supportata dal sindaco Marco Fioravanti e dal consigliere comunale Laura Trontini, si è ritrovato nella mattinata di domenica 1 novembre davanti al teatro Ventidio Basso per un piccolo sit in di protesta.

«Dobbiamo far sentire la voce delle scuole di danza e pretendere un riconoscimento in quanto tali rivendicando la nostra professionalità – è la motivazione del movimento – ad oggi siamo paragonati al “calcetto” e, come protocollo, alle palestre. Abbiamo bisogno di dare un’identità al nostro lavoro che, osservando le misure di sicurezza imposte e, attraverso nuove proposte, può continuare a vivere in sicurezza».

Cinema chiusi, un’altra mazzata «Tanti sforzi per adeguarci, ora temiamo per il futuro»

Teatro vuoto e senza contagi, ma pieno di rabbia «Siamo di nuovo spalle muro»

Decreto anti Covid, c’è silenzio al posto della musica «Usati pesi e misure diverse»



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X